14.3.08

il mio Ubuntu

Dopo un paio di settimane di uso continuo posso proprio dirlo: ma quanto mi piace !
Da quando lo uso non ho più acceso Winzozz XP, salvo un paio di volte per fare il confronto.

Tutto rose e fiori? no, certamente no; la mia scheda video ha dei driver cani che mi impallano X (almeno penso sia quello il problema), quindi ho dovuto disabilitare tutte quelle belle cose 3D con cui tirarsela, e comunque tende ad andare molto lento in certe situazioni (ma io lo stresso).

Però ho tutti i programmi che mi servono:
  • Firefox
  • Thunderbird
  • Pidgin
  • Rhythmbox (molto bella novità)
  • OpenOffice
  • ...e una scarrellata di programmi con cui fare di tutto, tutti immancabilmente Free.

Pensare che tutto questo software, con tutto il lavoro che ci sta dietro, sia gratis, anzi, più che gratis, mi fa girare la testa e un qualche senso di colpa mi viene:
io che gli do in cambio?
Prima o poi mi cimenterò nelle traduzioni, magari, che mi sembrano l'unica cosa nella quale si possa contribuire senza far danni micidiali :-)

Pro rispetto a Winzozz XP?
non ho pagato per averlo, mentre il caro Winzozz costò la bellezza di 128 euro ivati; non mi sembra un dettaglio da poco!
Altro pro?
L'interfaccia grafica semplice, personalizzabile, molto più usabile e comoda di quella winzozziana (che è decisamente datata...)
Altro pro è la trasparenza: non so che farmene dei codici sorgente del software che ho installato, ma sapere che c'è una comunità di sviluppatori che controlla il "come" è fatto un software e quello che fa mi fa stare molto tranquillo; con Winzozz i comportamenti strani / che sfuggivano dalla mia volontà erano molti, senza contare che nessuno poteva sapere cosa faceva "veramente" il software... e perché ogni 3 mesi volesse controllare se la mia copia era originale?...
Ancora un pro? la gestione pacchetti per l'installazione e l'aggiornamento del software: è anni luce dal sistema di Winzozz (che consiste nel: "fate un po' come cazzo vi pare"); su Ubuntu basta andare su
"Applicazioni -> Aggiungi/Rimuovi..."
e compare una bellissima libreria con una marea di software tra cui scegliere, navigabile per categoria, tipo etc. Quando hai letto le descrizioni ed ha selezionato quello che ti serve (e deselezionato quello che non ti serve ma che hai già nel pc) basta dargli un Ok, e lui fa tutto. E tu nel frattempo continui a lavorare sapendo che difficilmente servirà riavviare il sistema al termine dell'installazione.
Il vero pro, per me, è comunque politico: la possibilità di avere un mercato che offra prodotti di qualità, gratuiti e su cui puoi avere il pieno controllo; e penso soprattutto a cosa può (potrebbe) fare un paese del terzo mondo grazie al Free software...

In definitiva, sperando che venga definitivamente risolto il problema dei driver con le dannatissime schede Ati (colpa di Ati, ci tengo a precisarlo), e sperando che il mercato del software in Europa si liberalizzi (avete già firmato la petizione? ne parlai anch'io mesi fa), ormai il passaggio a Linux son riuscito a farlo, e spero che non sarò costretto ad arretrare.
L'obiettivo di rendermi indipendente da Winzozz prima di esser costretto a passare a Vista è ormai raggiunto, ora dovrò mettermi a far proselitismo :-)

Tag: , , , ,

Etichette:

1 Comments:

Anonymous Notebooks dice...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

18/3/08 10:45  

Posta un commento

link a questo post:

Crea un link

<< Home