22.2.07

darsi da fare

oggi mi son ripigliato, forse non tutto è perduto (la faccia sì, da un pezzo).
Non vorrei fare commenti su questa crisi e le dimissioni per il semplice fatto che Michele Serra ne ha fatte di così eccellenti che mi limiterei a riutilizzare le sue parole. Parole perfette, la giusta rabbia, una analisi precisa.

A me non resta che pensare all'amarezza, alla leggera gastrite. Aspettare di vedere che ne sarà di noi (cit.) sapendo che probabilmente, se pure ci salviamo per il rotto della cuffia, comunque non sarà che un rinviare la nostra morte. La morte politica della sinistra, che di fronte ad un inevitabile spostamento a destra della popolazione, di fronte a crisi mondiali (al plurale) e culturali, preferisce una morte onorevole piuttosto che sporcarsi le mani e darsi da fare.

La disillusione cresce, la rassegnazione no, perché è sostanzialmente inutile rassegnarsi.
Ci diamo da fare anche noi, mortali disinteressati?

Etichette:

3 Comments:

Anonymous Ripe dice...

E' tutto uno schifo! La sinistra non è ancora in grado di governare, perlomeno non QUESTA "Sinistra" impopolare e senza palle!!

22/2/07 14:14  
Blogger piero tasso dice...

appunto, è per questo che dovremmo darci da fare..

22/2/07 14:19  
Blogger Davide dice...

Ciao Piero!
Ho creato anch'io un blog:
http://tecnezio99m.blogspot.com/

Ciao! Ah, sono Davide!

23/2/07 02:04  

Posta un commento

link a questo post:

Crea un link

<< Home