21.3.07

9 giorni a Bordò /2

a Bordò ho scoperto tante cose; una ad esempio sono i cosi giapponesi, quelli con riso arrotolato in alga; sono una frana e non ricordo come si chiamano. Non li avevo mai provati e sono andato a Bordò a farmeli preparare, naturalmente da una italiana, eh.
Sempre in quella occasione ho mangiato una delle cose più golose... marshmallows con cioccolato fuso, possibilmente fondente.
Ho pure scoperto che esistono ragazze più golose di me; mannaggia; come quando la cuoca (sopraffina e raffinata) ha ben pensato di ammazzare la cioccolata fusa in avanzo con della sana panna montata... una vera sfida!
A Bordò ho pure scoperto cosa significhi rischiare di finire in ospedale dopo aver mangiato troppo; in un ristorantino con buffet di formaggi ho rischiato di far la fine di Creosoto (chi non conosce guardi questo, la regia mi ha fornito l'originale - visionare lontano dai pasti).
A Bordò ho potuto fare poche foto, complice una macchinetta che fa la fighetta in tema di batterie. Peccato, ma certe immagini, soprattutto il campus, mi resteranno per molto. I campi sportivi (hanno più campi da rugby che da calcio, che paradiso), i prati in mezzo al campus, gli scoiattoli, gli studenti connessi in piena notte seduti ai tavolini esterni della mensa, i supermercati coloratissimi, file e file di piatti precotti.
Ed i sorrisi, gli scambi di buongiorno quando si sale sull'autobus, e le torte che fanno loro... ah... anche se le più buone erano sempre ad opera di italiane, ma può essere?!?
E le famiglie giovani con figli, che in Italia ci volteremmo a guardarle stupiti. E la CAF che contribuisce a pagarti l'affitto anche se non sei francese; ed agevolazioni sistematiche ai giovani. I narghilettari belli ed accoglienti di Toulouse... Le zanzare tigri...
Ma soprattutto una stanza azzurrina, ben addobbata, con poster, foto, elefantini colorati, luci: un piccolo scrigno luminosissimo (anche troppo); ed un letto scomodissimo.

Etichette:

4 Comments:

Anonymous Giovanni dice...

Sushi, Piero.Si chiama sushi.

21/3/07 16:52  
Blogger piero tasso dice...

ennò, non è proprio sushi... forse sashimi o come cavolo si scrive.
PS: ho messo un video migliore

21/3/07 17:27  
Blogger Ripe dice...

Io l'unica (e ultima!!!) volta che ho mangiato sushi preparato da un italiana ho vomitato anche l'anima... Mi sono perfino scoppiate le vene degli occhi!

22/3/07 23:07  
Blogger Gatto Nero dice...

Uramaki. O makimono.
Non sono sicuro perché anche io sono particolarmente una frana, col giapponese: so solo che costa caro, molto caro...

23/3/07 10:59  

Posta un commento

link a questo post:

Crea un link

<< Home